bampalermo | IDEA DI UN’ISOLA – Omaggio a Roberto Rossellini nel quarantennale della scomparsa
16287
event-template-default,single,single-event,postid-16287,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

IDEA DI UN’ISOLA - Omaggio a Roberto Rossellini nel quarantennale della scomparsa

17 febbraio 2017 - 21:00
IDEA DI UN’ISOLA – Omaggio a Roberto Rossellini nel quarantennale della scomparsa

A cura di LUMPEN

Rassegna cinematografica con una selezione di film e documentari di Roberto Rossellini che hanno come soggetto la Sicilia, restaurati dalla Cineteca di Bologna in collaborazione con la Cineteca Nazionale. Le proiezioni saranno accompagnate da incontri con ospiti d’eccezione e dalla presentazione di alcuni materiali rari.

 

Introducono:

Renzo Rossellini (Produttore)

Bruno Roberti (Critico)

Franco Maresco (Regista)

 

17 FEB | Cinema De Seta | Cantieri della Zisa | ore 21.00 | Ingresso libero

Idea di un’Isola (R. Rossellini 1967)

Un po’ documentario nel senso stretto del termine e un po’ ricostruzione ad hoc, con costumi storici e attori; Idea di un’isola è il tributo che Roberto Rossellini offre a una terra da lui amata. Un’oretta di immagini prodotte su commissione di una televisione americana e con il contributo della Rai. Scritto dal regista insieme al figlio Renzo, il lavoro attraversa in lungo e in largo l’isola maggiore della nostra nazione, mostrando bellezze e particolarità, campagna, città, industria, mare, gente del luogo, monumenti storici, il tutto commentato dalla voce di Corrado Gaipa e dalle musiche di Mario Nascimbene. Al di là di tanti buoni propositi, al di là perfino dell’approccio didattico che già il cinema rosselliniano aveva da qualche anno abbracciato, Idea di un’isola sembra effettivamente una pellicola molto poco significativa, prettamente turistica (cartolinesca) per la sua gran parte e in definitiva per nulla impressionante: non aggiunge, nè migliora le informazioni che già alla fine degli anni Sessanta si avevano sui luoghi e sugli abitanti della Sicilia, proponendo invece uno sguardo piuttosto superficiale sull’argomento del film. Negli ultimi anni della sua carriera Rossellini avrebbe ulteriormente involuto il proprio stile, per focalizzare le sue opere sulla mera divulgazione dei contenuti: questo lavoro non appartiene ancora completamente a tale fase conclusiva.

 
18 FEB | Cinema De Seta | Cantieri della Zisa | ore 21.00 | Ingresso libero

Stromboli, Terra di Dio (R. Rossellini 1950, Ed. Restaurata)

Regia: Roberto Rossellini; soggetto: R. Rossellini; sceneggiatura: Sergio Amidei, Gian Paolo Callegari, R. Rossellini; fotografia: Otello Martelli; musica: Renzo Rossellini; montaggio: Jolanda Benvenuti; interpreti: Ingrid Bergman, Mario Vitale, Renzo Cesana, Mario Sponza, Roberto Onorati, Werner Biel; origine: Italia; produzione: Berit Film; durata: 107′
«La protagonista del film è una cittadina lituana, Karin, venuta in Italia durante la guerra. Gli avvenimenti a cui ha assistito l’hanno spogliata di ogni sentimento, fuorché dall’ansia di godere ad ogni costo quanto può ancora offrirle la vita. Per uscire da un campo di concentramento dove l’hanno rinchiusa, accetta di sposare Antonio, un pescatore italiano che ritiene proprietario di una graziosa casa in una dolce isola del mar Tirreno. L’isola, invece, è Stromboli, un ammasso di pietre laviche, dominate da un vulcano iroso. Alla delusione per una così ingrata cornice, segue ben presto nella donna lo sconforto di vedersi considerata con sospettosa ostilità dagli abitanti dell’isola che non comprendono le sue abitudini spigliate. […] I principali elementi della tragedia intervengono a dar vita a questa lotta tra Creatore e creatura: la protagonista, un duplice coro di uomini avversi e di natura nemica, un antagonista misterioso e invisibile» (Gian Luigi Rondi).