bampalermo | L’ANNO DELLA MOSCA | di Yousif Latif Jaralla
17156
event-template-default,single,single-event,postid-17156,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

L’ANNO DELLA MOSCA | di Yousif Latif Jaralla

9 Novembre 2019 - 16:00-17:00
L’ANNO DELLA MOSCA | di Yousif Latif Jaralla

by Transeuropa

 

 

Negli anni 60 la popolazione di Baghdad venne infettata dal tracoma, una grave affezione oculare trasmessa dalle mosche. La narrazione racconta il tentativo disperato di una madre di salvare il proprio figlio, fino a scoprire un mondo di guaritori, storie e favole, dove realtà e immaginazione si intrecciano fino a connotare una dimensione intima e catartica. Yousif, originario di Baghdad, usa la malattia come metafora di un periodo di instabilità politica, quella che dopo un primo colpo di stato avrebbe portato lentamente il regime dittatoriale di Saddam Hussein.

 

Se il figlio malato è il corpo della coscienza, l’incontro con i guaritori da parte di Assia, la madre del bambino, è una determinazione di consapevolezza, una “resistenza” che può trovare forse un solo e unico esercizio con l’appello di forze metafisiche e interiori. In una Baghdad sempre più rarefatta dove imperversano le mosche come simbolo e presenza di un male inarrestabile, capillare, invasivo, distruttore e indistruttibile, Assia fascia gli occhi di suo figlio con un unguento procuratole da una guaritore. Il medicamento come vettore di storie e racconti è l’appello a una tradizione sapienziale.

 

La guarigione attraverso un’incubazione di sette giorni, è un rito iniziatico di passaggio dalla coscienza alla consapevolezza, un percorso che nella realtà politica irachena e dell’area del Medio Oriente trova una complessità che in molti casi è ancora lontana dalla sua risoluzione. Le mosche si aggirano fra mercati e rovine, città e deserti, ancora adesso, facendosi ora nugoli rumorosi e persistenti, ora singole entità silenziose e insidiose.

 

KAD – KAD Kalsa Art District- è un network di artisti, curatori e operatori culturali. Con un programm

a di promozione, mobilità e curatela di arte contemporanea, realizza un’offerta culturale integrata, genera economie di scala valorizzando aspetti logistici e organizzativi, coinvolgen

do e coadiuvando gli operatori culturali e gli spazi di produzione e ricerca artistica locale e internazionale all’interno di uno scambio di patrimoni, ricerche, saperi e best practices. KAD promuove per Transeuropa Festival un ciclo di mostre, talk e performance.