bampalermo | NUOVE FRONTIERE – IL CINEMA DI TARIQ TEGUIA – Tre cortometraggi
15609
event-template-default,single,single-event,postid-15609,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

NUOVE FRONTIERE – IL CINEMA DI TARIQ TEGUIA - Tre cortometraggi

25 febbraio 2017 - 17:00
NUOVE FRONTIERE – IL CINEMA DI TARIQ TEGUIA – Tre cortometraggi

NUOVE FRONTIERE – IL CINEMA DI TARIQ TEGUIA

A cura di SUDTITLES e INSTITUT FRANÇAIS PALERMO

Ingresso libero

 

Ferrailles d’attente

Algeria 1998 / 7’ / versione originale con sottotitoli in italiano

saranno presenti il regista Tariq Teguia e il critico Fulvio Baglivi

 

Durante l’estate del 1996 Tariq Teguia raccoglie immagini fotografiche e riprese video che diventeranno poi il materiale alla base di questo cortometraggio, realizzato in collaborazione con un designer e un musicista. Il tema è l’anarchia architettonica che vige in Algeria, dove tantissime costruzioni restano incompiute e abbandonate.

 

Haçla [La clôture]

Algeria 2003 / 25’ / v.o. sott. it.

Attraverso le testimonianze dei giovani di Algeri, raccolte nel labirinto di vicoli che compone la città (dal distretto occidentale di Bab-El-Oued al periferico Aïn-Ben-Ian), Tariq Teguia mostra una società bloccata, chiusa in se stessa, nella quale la parola resta il solo spazio possibile di libertà individuale.

 

Où en êtes-vous, Tariq Teguia?

Francia 2015 / 20’ / v.o. sott. it.

In occasione dell’uscita nelle sale francesi di Zanj Revolution, il Centre Pompidou di Parigi ha dedicato una retrospettiva completa al “geografo del cinema politico” Tariq Teguia, commissionandogli in più questo cortometraggio co-prodotto dalla rete televisiva ARTE. Un modo per fare il punto sul percorso artistico di un autore che mette al centro la materia, il territorio e la politica.