bampalermo | LA MIA SIRIA A PALERMO
17504
event-template-default,single,single-event,postid-17504,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

LA MIA SIRIA A PALERMO

9 Novembre 2019-21 Dicembre 2019 -
LA MIA SIRIA A PALERMO

Palermo, Opificio delle idee, ex deposito delle carrozze, via Danisinni 38

Inaugurazione ufficiale 9 novembre ore 10,30
La mostra si potrà visitare fino al 21 dicembre durante il sabato e la domenica dalle 12 alle 13,30

(info e prenotazioni al cellulare 347 4739935)

 

15 immagini 30×45 cm che narrano la vita quotidiana di una famiglia siriana a Palermo, in fuga dal Nord est della Siria, da una delle province occupate dall’Isis e da un’area di recente colpita dall’offensiva militare turca. Bushra e Naem, genitori di quattro bambini, sono arrivati in Sicilia attraverso i corridoi umanitari, grazie ad un progetto-pilota della Comunità di Sant’Egidio. La loro storia è simile a quella di altri siriani fuggiti dal proprio Paese perché vittime di persecuzioni.

 

Uomini, donne e bambini siriani individuati nei campi profughi del Libano, Marocco ed Etiopia sono arrivati in Europa dove hanno ricevuto una risposta positiva alla domanda di protezione. Le fotografie si aggiungono alle 30 immagini vintage, realizzate in Siria prima della guerra dalla giornalista Tiziana Gulotta, autrice del progetto “Per non dimenticare la Siria”, tra il 1994 e il 1999, sotto il regime di Hafez Hassad. La mostra, promossa dal Rotary club Palermo ovest e patrocinata dalla Consulta della Pace del Comune di Palermo aderisce alla Biennale Arcipelago Mediterraneo.

 

My Syria in Palermo

 

15 images 30×45 cm about the daily life of a Syrian family in Palermo, fleeing from the north east of Syria,from one of the provinces occupied by ISIS and from an area hit by turkish military offensive. Bushra and Naem, parents of four children arrived in Sicily through humanitarian corridors and thanks to a pilot project of the Community of Sant Egidio. Their story is similar to that of other Syrians who fled their country because they were victims of persecution.

 

Syrian men, women and children identified in refugee camps in Lebanon, Morocco and Ethiopia arrived in Europe where they received a positive response to the question of protection. The photographs are added to the 30 vintage images, made in Syria before the war by journalist Tiziana Gulotta, author of the project, between 1994 and 1999, under the regime of Hafez Hassad. The exhibition, promoted by the Palermo West Rotary Club and sponsored by the Peace Council of the Municipality of Palermo, adheres to the Mediterranean Archipelago Biennial.